21/03/2021 le api stanno pulendo il decimo telaino

Come vi dicevo l’anno scorso avevo segnato sull’agenda 2021 per il 20 marzo di “mettere i melari anche se fa freddo”. Ciò per la buona produzione 2020.

Non ho però messo i melari perché c’era troppo freddo, sotto ai 10 gradi ieri e minime attorno allo 0. Non ho potuto neanche fare la visita del sabato perché c’era un forte vento.

Oggi ho fatto la visita. Il microclima in apiario, protetto dal bosco a nord, è migliore rispetto a casa. 14 gradi contro 9 e assenza di vento. La visita non è stata completa, ho solo osservato la popolazione di api dall’alto e estratti i due telaini laterali per verificare le scorte di miele.

Ho iniziato ad aprire i nuclei dell’anno scorso che hanno avuto parecchie vicissitudini. L’anno scorso causa lockdown non si trovavano più i fogli cerei e ho dovuto inserire solo le cornici di legno, che le api hanno costruito tardi e molto lentamente, e quindi con pochissima covata. I nuclei sono su circa 3 telaini. È nata un po’ di covata e l’aspetto della famigliola è più compatto e unito malgrado la gelata notturna. Ho comunque dato loro da mangiare perché stiano calde. Per l’acacia, tra un mese, dovrebbero essere pronte. Siccome le porterò a 40 chilometri da casa non so se avrò il tempo di visitarle settimanalmente. Quindi è preferibile che siano poco sviluppate. Come vi dicevo per me è un hobby e sono parecchio impegnato nel mio lavoro vero.

Le sei arnie forti stanno pulendo i telaini laterali, segnale che sentono un grosso raccolto in arrivo. Sono tutte su 8-10 telaini di api, appena le temperature notturne saranno sui 10 gradi sarà necessario mettere i melari per dare spazio alla grande popolazione di api. Potrò asportare qualche telaino per fare nuove famiglie, previo controllo che stiano nascendo i primi maschi, perché altrimenti corriamo il rischio della mancata fecondazione delle regine. Le famiglie non stanno costruendo i nuovi favi con foglio cereo inseriti la scorsa settimana, perché si sono ristrette a scaldare la covata.

Bisogna controllare i supporti delle arnie, chiedersi: il legno dei supporti è sano?

Altra necessità è tagliare l’erba e pulire il bordo del bosco dai rovi che si protendono prepotentemente verso l’apiario e il campo coltivato a cereali vernini.

Qual'è la tua opinione (commenti, saluti, ringraziamenti)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.