E poi ti propone l’aggiornamento del flash player… , ma anche?

A conclusione della maratona di installazioni che potete leggere nei due precedenti articoli di questo blog, ovviamente compare il box di un aggiornamento del flash player, accessorio presente pressoché su tutti i personal computer e che viene detto necessario per visualizzare i video su youtube.

Anche qui l’operazione parrebbe tranquilla e di routine, invece consiglio di fare sempre attenzione a cosa ci viene proposto in aggiunta nei box che compaiono nella procedura di installazione, in questo caso se si procedesse affrettatamente si installerebbe un ulteriore antivirus o componente di antivirus.

La convivenza di più antivirus è di solito sconsigliata, al massimo si può consentire il Windows defender (che di solito è già presente e di cui l’utente normale neanche si accorge) che conviverà con l’antivirus evoluto che avrete acquistato annualmente conformemente alle vostre preferenze (o a quanto fornitovi dal negozio quando avevate acquistato il personal computer).

Disabilitare il box che vi propone l’antivirus in prova assieme al flash player ed installate solo quest’ultimo, detto fra noi mi sembra che i video di youtube si vedano anche senza il flash player.

In generale, su altri programmi quale chrome, assieme agli aggiornamenti vengono spesso proposte della barre di strumenti, disabilitare, disabilitare, disabilitare, altrimenti alla lunga, installa questo, installa quello, il computer rallenta fortemente.

Windows, gli aggiornamenti consigliati e facoltativi, ricordarsi di controllare se ce ne sono

Pannello di controllo – rivedi lo stato del computer, consente di controllare se il computer è a posto oppure se c’è qualche anomalia.

Eseguite le attività proposte e poi andate nella colonna di sinistra, e lanciate Windows update, controllate gli aggiornamenti consigliati e quelli facoltativi e lanciateli tutti.

Probabilmente non sono automatici perché molto pesanti in termini di MB scaricati.

Io consiglio di farli tutti.

Se avete i programmi regolari vi verranno proposti anche quelli dell’office.

Real player e windows 7 incompatibili

Oggi il personal computer con Windows 7 non funzionava, all’accensione dell’explorer il sistema andava in crash.

Ho controllato la lista degli ultimi aggiornamenti senza trovare risposta.

Ho riportato il sistema indietro di una decina di giorni con ripristino in modalità provvisoria, ma questa operazioni sembrava senza effetti.

Poi ci ho pensato, l’explorer causava il crash, il Real Player free che usavo per scaricare qualche video da youtube generava qualche malfunzionamento da parecchio tempo.

Allora da modalità normale di windows ho disinstallato il Real Player (dalla provvisoria non funzionava il Windows installer…).

A dir la verità, nel controllo errori di Windows si accorgeva che c’era qualcosa nel Real Player di non aggiornato, probabilmente era una problematica della versione free.

Ok adesso funziona. Colgo l’occasione anche per installare gli aggiornamenti consigliati e facoltativi (verrebbe spontaneo pensare che siano automatici, ma probabilmente li hanno messi facoltativi perché sono molto pesanti in downoload).

 

Indica, consiglio questi due album, che in realtà sono lo stesso, in inglese e finlandese

Di questo gruppo pop finlandese ho trovato molto interessante ascoltare le canzoni in entrambe le lingue, così si possono notare le variazioni apportate e come renda diversa la canzone l’uso di una lingua.

Gli album sono:

Tuuliset Tienoot e A Way Away.

(senza spendere potete ascoltare le anteprime dei brani sullo store).

 

Test del morto che cammina

Oggi ho fatto quello che su un sito internet ho letto essere il “test del morto che cammina”, cioè della persona ormai definitivamente sedentaria.

Il test consiste nel correre i dieci chilometri in un tempo inferiore all’ora. Se il tempo è superiore all’ora sei un morto che cammina, sportivamente, s’intende. I giovani in teoria dovrebbero riuscire a fare questo tempo senza allenamento mentre quelli negli anta devono essere un pochino allenati.

Siccome oggi ero a casa in ferie, dopo essermi riscaldato con un’oretta di giardinaggio e lavaggio con “saponata” della terrazza, ho affrontato il test.

All’inizio temendo di sfigurare con me  stesso ho affrontato la corsa ad un ritmo troppo alto, causandomi un forte dolore al fianco destro al di sotto del polmone, così più respiravo e più dolore provavo.

Ho temuto il ritiro.

Invece ho rallentato aspettando che passasse, e così è stato.

Ho fatto i dieci chilometri in 50 minuti, evviva! soprattutto tenuto conto che ho corso su sterrato e che c’era una forte tramontana in certi tratti.

C’era un tale in bicicletta con due cani che non riusciva proprio ad andare avanti contro vento. In particolare i cani si rifiutavano di seguire la bicicletta. Il mio cagnetto l’ho lasciato a casa, per non rischiare di ucciderlo.