17.11.2020 ossalico

Oggi ho fatto il trattamento con l’ossalico gocciolato. Trattasi di una sostanza presente anche nelle verdure a foglia come gli spinaci.

La sua acidità uccide gli acari che stazionano sulle api. Si fa d’inverno perché le api smettono di allevare la covata per un mesetto e così gli acari sono allo scoperto.

Le famiglie di api sono belle popolose con la solita eccezione di quella famiglia di carnica, dotata di resilienza eccezionale perché si spopola, viene saccheggiata, ma sopravvive a tutto. Con il mio aiuto a nutrirla. Comunque un pelo, l’alveare carnico pet, è migliorato, adesse è su tre pugni d’api invece che su uno.

Ottime le regine ligustiche acquistate dal primario apicoltore, le loro famiglie sono spettacolari ancora su 8-9 favi. Scorte ok. Non c’è corona alta, le tengono più basse, forse è un effetto della coibentazione del coprifavo con fogli di giornale.

Sotto ai fondi in rete ho messo un foglio di carta forno unto d’olio per monitorare gli acari morti. Tornerò sabato a prelevare i fogli.

Bella giornata oggi, alle 10.00 c’erano già 12 gradi e a mezzogiorno quando ho finito 17 gradi.

Memo, della busta di ossalico sono rimasti 15 grammi.