I pittori imbiancano casa?

Venerdì scorso ho preso una giornata di ferie per seguire dei pittori che avevamo incaricato di pitturare i travi esterni della casa e, visto che c’erano, imbiancare anche la camera dei bambini e, si sperava, anche la tromba delle scale di casa e i corridoi da cui avevamo tolto tutti i quadri.

In tutta la giornata hanno sistemato solo una crepa nel muro e pitturato la camera dei bambini nonchè realizzato una fascia sulla parete esterna, e hanno detto che sabato avrebbero avuto altri impegni.

Poi hanno fatto con me una tremenda gaffe, i due fagiani, è arrivata mia nipote più giovane e mi hanno detto che avrebbero avuto piacere di farsi misurare la pressione dalla ragazza, visto che hanno saputo che è medico.

Ho gestito la situazione rispondendo loro che non è la nipote medico ma sua sorella la quale studia tutt’altro (a pensarci adesso potevo dire loro che lavora come coroner), non mi ha fatto piacere il discorso perchè la nipote si può dire che l’ho vista nascere e certi discorsi mi disturbano assai.

Ho anche saputo che seguono per hobby le aste dei trenini su ebay….

Poi mi hanno chiesto dei gechi ed ho raccontato loro che sto cercando di disfarmene perchè è un hobby per ragazzini che abbiano il tempo di andare alle fiere oppure per chi lo voglia fare professionalmente, sempre che ci sia un adeguato mercato per guadagnarci.

E allora mi hanno detto “pensa che un mio amico aveva un animale ancora più inutile, un coniglio da compagnia :-D” e ho risposto che ne abbiamo uno anche noi!

Gelo e silenzio.

Erano un po’ intimoriti dalla mia presenza, così quando poi è arrivata mia moglie ho visto che erano sollevati.

Mai commettere un errore del genere, la moglie s’è accorta che i lavori andavano a rilento e che si poteva utilizzare molto meglio un operaio gratis, che, seguito a dovere, potesse realizzare ben più lavoro giornaliero di due pittori messi assieme, cioé io.

L’ultima volta in una giornata mi aveva fatto pitturare quasi tutta casa! ma allora ero più giovane di adesso.

Allora sabato mattina ho pitturato tutti i corridoi di casa ed anche la rampa delle scale usando il rullo. La giornata è stata molto bella, creando un giro d’aria tra i due piani sono riuscito ad asciugare la vernice prima di sera (comunque mi ero anche attrezzato con un deumidificatore per i casi d’emergenza).

Nel frattempo la moglie era  dall’estetista a rifarsi le unghie finte; ha detto: ” lava, stira, compiti, tutto il giorno, almeno il sabato una piccola pausa si può prendere”. La nostra piccola figlia è andata con lei, portandosi qualche gioco, così ha respirato aria senza odore di vernice.

Non pensiate che mi stia lamentando della moglie che infatti ha poi passato tutto il pomeriggio e sera a pulire e riordinare, e io nel frattempo accompagnavo a calcio il figlio.

Stamattina i pittori hanno visto il mio lavoro e non riuscivano a credere che l’avessimo fatto da soli.

Ho pensato che sia merito dell’ora di corsa che faccio tutti i sabati da qualche mese, mi sento fisicamente veramente bene, però continueremo i lavori di imbiancatura un po’ alla volta, eh!, perchè imbianca, imbianca, imbianca, avrò diritto alla mia oretta di corsa del sabato?

Escursione organizzata a tartufi

Domenica abbiamo partecipato ad un’escursione alla ricerca di tartufi.

I cercatori di tartufi hanno portato un nutrito gruppo di persone con loro e con i lagotti romagnoli.

C’era anche un cane da caccia adibito alla ricerca di tartufi.

Non hanno trovato niente (se si eccettua qualche topolino che mi sa tanto si sono mangiato) ma è stata una bella passeggiata nel bosco autunnale, in una giornata leggermente nebbiosa ma con una temperatura confortevole.

Divertente vedere qualche famigliola ben vestita affrontare con scarpe inadatte l’ambiente boscoso, anche se il percorso scelto era facile, l’erba era molto bagnata.

I lagotti avevano preso in antipatia un cagnolino piccolo, cicciotto e peloso, dall’aspetto di un leprotto, e invece di cercare tartufi si aggiravano furtivamente per assalire il cagnolino stesso.

La proprietaria è stata spesso costretta a prenderlo in braccio, perchè i lagotti erano veramente decisi nel loro intento, però il cagnetto pesava ed allora è stata in seguito costretta a difendere il proprio miglior amico dotandosi di un pezzetto di legno più minaccioso che pericoloso, brandendolo come una spada.

Calcio e bambini di dodici anni

Il figlio ha ripreso con il calcio quest’anno.

La nostra squadra perde spesso, penso che i nostri allenatori siano troppo buoni e stiano allevando con buoni principi i nostri bambini.

Noto che le altre squadre sono più cattivelle, le ultime due partite sono state particolari, la prima è stata costellata di insulti e bestemmie, nella seconda l’arbitro, il loro allenatore ha addirittura fatto giocare cinque minuti di più un tempo affinchè  i suoi riuscissero almeno a pareggiare.

Non fa per me il calcio, ma almeno la compagnia dei genitori è buona, per fortuna, niente da dire neanche dello staff della squadra.

Proporrò maggiore preparazione atletica, i figli potrebbero correre un’oretta prima di iniziare l’allenamento? 😀

La casa dell’acqua

E’ arrivata la casa dell’acqua anche nel paesello amoleapiano.

Nella casetta si prende acqua naturale gratis ed acqua frizzante a 0,05 euro. Si usano le proprie bottiglie.

Ho notato che l’acqua frizzante della casa dell’acqua ha un vago sentore di agrumi, mi ricorda leggermente la frizzina che si metteva nell’acqua quando ero bambino.

Comunque ne faremo uso, per evitare il continuo smaltimento nel riciclaggio delle bottiglie di plastica.

LIbri: E’ uscita finalmente la seconda parte di 1Q84 di Murakami Haruki

Finalmente è stato pubblicata e si trova in libreria la seconda parte del libro di Murakami Haruki 1Q84 (si chiama Libro Tre Ottobre-Dicembre).

Scorre come un fiume in piena questo libro, sono già arrivato a metà, furbetto l’autore ad inserire parti molto ricordabili per tenere alta la tensione.

Al punto in cui sono arrivato posso dire che questa seconda parte è molto più bella, forse anche perchè alcuni dei misteri sono già stati svelati.

E’ un libro, come il primo, molto onirico, molto fantasioso, racconta di una storia d’amore vissuta più nell’assenza che nella presenza e sotto un magico influsso del destino; ma è anche un racconto investigativo; perchè viene visto dal lato di ciascuno dei personaggi: di uno alla volta viene descritta l’esperienza, i pensieri, le speranze; i personaggi si incontraranno prima o poi nella stessa dimensione/realtà/tempo? si chiede il lettore.

Bello.