Il Coraggio della Libellula – Deborah Ellis

Il libro tratta di due amiche.
La loro amicizia sarà messa a dura prova dall’accusa di omicidio che viene mossa a una di loro.
L’altra tradirà l’amicizia senza alcun rimedio.
Brutte cose l’invidia e la mancanza di coraggio.
L’abbiamo scelto per i figli in libreria, l’ho letto anche io e devo dire che è un libro che fa pensare.
Molto bello.

Annunci

Bicicletta, adattatore per camere d’aria con attacco francese

Se avete una nuova city bike, mountain bike, bicicletta da corsa o bicicletta in generale potreste aver sperimentato il problema di non riuscire a gonfiare la camera d’aria, perché il cosiddetto “pirolino che si svita” NON SI SVITA PIU’.

Ciò perché le camere d’aria non hanno l’attacco all’italiana ma alla francese (che stress con questi francesi).

La soluzione meno costosa e più pratica è comprare una adattatore di metallo, quello che ho preso io è dorato, fatto come una vitona allungata, forata all’interno, si svita il più possibile il “pirolino” della camera d’aria, poi ci si avvita sopra l’adattatore con la parte di maggiore diametro verso il basso (appoggiata come un piramide, in termini più semplici) e poi si gonfia, con la pompa a mano oppure con il compressore.

Se avete già la pompa di quelle blu con lo stantuffo anche in mancanza dell’adattatore dovreste provare a inserire l’attacco e poi tirarlo leggermente verso l’alto, così con qualche difficoltà riuscirete intanto a gonfiare la gomma.

Qui troverete l’immagine dell’adattatore dorato da me consigliato, che va bene per il compressore, con la pompa a mano non ho provato, ma penso con essa vada usato l’altro adattatore che segue:

http://www.pbikestore.com/ultime-news/tipologie-di-valvole-per-biciclette-sia-mountain-bike-che-bici-da-corsa.html

Come funziona la trattativa sul prezzo per i popoli arabi?

Mi sono ritrovato in una divertente ed infuocata trattativa per il prezzo di una trentina di chilogrammi di miele in una calda nottata durante il periodo del ramadam assieme a due ragazzi di origini arabe.

Visto che in culture diverse dalla nostra, almeno per il prodotto finito, è necessaria una trattativa, mi sono chiesto se ci sono delle regole non scritte per condurre questi affari.

Comunque ritengo che mi abbiano pagato un prezzo giusto per me e per loro, seppure di 0,50 euro inferiore a quello che avevo stabilito, ma sono andato ad istinto, è stata un’esperienza molto divertente due contro uno, per trattare sul prezzo mi dicevano che a loro cugino (ma chi lo sa se la persona citata era veramente loro cugino) avevo chiesto una somma inferiore trascurando il fatto che ciò avveniva vari anni fa, e se la ridevano, come si divertivano, noi friulani spesso perdiamo questa capacità di divertirci.
Ma questa calda sera estiva no!

Umanità assortita sotto all’ombrellone al mare, abbronzatura, amore, famiglie

Abbiamo passato, moglie, figli ed io, parecchie felici e rilassanti giornate in spiaggia questo mese, e come al solito abbiamo passato il tempo sguazzando nell’acqua, giocando a pallavolo, a tamburello, passeggiando, nuotando, leggendo un sacco di libri … e passando il tempo origliando discorsi fatti sotto agli ombrelloni e curiosando su quel frammento di varia umanità lì raccolta per l’adorazione del sole e della pelle abbronzata.

Con grande piacere ho scoperto l’uso delle creme solari 50 e 30, e devo dire che ci siamo abbronzati bene senza sottoporci al rito delle scottature della prima settimana ed eritemi solari, soprattutto la tenera ma reattiva pelle dei figli ha preso uno splendido colorito.

Volevo raccontare qualche casistica

Sulla spiaggia attrezzata dove un ombrellone costa circa 20 euro al giorno e sotto di esso, nel cerchio d’ombra generato, sul mezzogiorno, al massimo ci possono stare cinque persone … vicini vicini… se la famiglia è composta da due nonni, figlio/a, coniuge, due nipoti di età inferiore ai 10 anni i nonni stanno al sole a ustionarsi la schiena, non ho capito perché, o soffrono di meno il caldo oppure in base al vecchio concetto del risparmio per non aver voluto prendere un ombrellone. Ciò accade sia per le famiglie italiane che per quelle straniere (tantissime presenze dei paesi dell’est).  I tedeschi invece a mio avviso tendono a fare le vacanze separate tra nonni e figli e nipoti, oppure visto che colà non avvertono ancora la crisi economica, prenotano semplicemente due ombrelloni.

Pipì in mare ed in spiaggia, in tanti anni non mi era mai capitato di vedere bimbi sotto i 3 anni fare pipì in spiaggia volontariamente spinti a ciò dai genitori, già in mare mi sembra una cosa assolutamente disgustosa, un gruppo di stranieri ha mandato il bambino dietro ad un ombrellone ed un altro gruppo nell’area tra ombrelloni e mare, mi pare questi ultimi fossero italiani, avevano scavato un buco e messo il bambino in piedi a fare i sui bisognini, dove tutti li vedevano, anche i bagnini con atteggiamento ponziopilatesco hanno lasciato correre.

Molto diffuso il furto di ombrelloni, suppongo per l’alto costo, un giorno lo abbiamo trovato occupato da due “ragazzi” sui 25 anni di età ed un altro da due adulti, olandesi mi pare, nel secondo caso è stato gentilissimo il bagnino che ha provveduto allo sgombero. Ricordatevi che se trovate l’ombrellone occupato con effetti personali senza i relativi proprietari di non provvedere mai a sgomberare da soli ma di rivolgersi al bagnino, con quello che si paga non deve essere un problema nostro.

Discussioni amorose origliate in spiaggia:

un gruppo di donne che lavorano nella località balneare stanno discutendo di uomini, sono tutte sulla quarantina, straniere, delle gran belle donne a dir la verità, una di esse stava dicendo alle sue amiche che è libera ma le piacerebbe avere a fianco un uomo, e che vorrebbe avere un uomo gentile che si prenda cura di lei, anche senza amore e senza trovarlo quanto meno bello, perché dopo i quaranta anni si può stare bene con una persona, diceva, anche senza amore, l’importante è che lui le voglia tanto bene e le dedichi molto del suo tempo e molte attenzioni, ad esempio non le dispiaceva, raccontava, un uomo non bellissimo, di una certa età, ma la signora ha detto che “almeno dovrebbe farsi avanti lui, non posso mica fare tutto io, è il minimo che una donna dovrebbe accettare”. Secondo me, ripeto secondo me, è un ragionamento che non funziona, senza una reale affinità di entrambi e corresponsione di entrambi un rapporto amoroso non può durare a lungo.

Pomodori coltivazione, risultati

Vista la grande abbondanza di pomodori posso dare i primi giudizi delle 50 piante assortite di quest’anno.
I miei preferiti sono quelli della varietà “nero”, di taglia ridotta ma poco acquosi , profumati e saporiti, per niente acidi.
Secondi i cuore di bue, ottimi e saporiti per la caprese o in insalata, però hanno prodotto pochissimi pomodori fino ad ora.,
Poi quelli a grappolo grandi per la notevole produttività.
I San Marzano, seppure su piantine innestate tendono a marcire in punta, comunque producono abbastanza ma non hanno il sapore di una volta, togliere tutti i frutti malati il prima possibile, comunque hanno la buccia fine che non disturba quando fatti in insalata e quindi alla fin fine li riprenderò anche il prossimo anno.

Pastasciutta estiva

Io la condisco con pomodori crudi appena raccolti a pezzettini ed  aggiungendo a questi alternativamente:
Solo olio d’oliva siciliano extravergine
Olio extravergine e grana
Olio extravergine e pezzetti di mozzarella e basilico
Pesto.

Libri per ragazzi da spiaggia

Come vi dicevo in una precedente recensione, non c’è migliore occasione delle vacanze al mare per far leggere qualche libro ai figli , senza distrazioni televisive o internet (se avete regalato loro lo smartphone con incluso abbonamento internet non vi rimarrà altro che recludere l’infame, a volte, oggetto in cassaforte, ohibò assieme al mio cubo della tre che mi provvede l’internet).
Libri:
Fred Hulman – L’amico ritrovato.
Molto bello sull’amicizia di un bambino ebreo, a scuola, con il figlio di un nazista.