Il consumatore abituato a sapori di plastica

Iniziai a farmi il miele per ritrovare i sapori della mia infanzia, pensandoci mi rende molto triste che le attuali generazioni siano abituate a nutrirsi di cibi insapori forniti dalle grandi aziende. Ad esempio non apprezzano più il sapore di un pollo ruspante, ma solo di quello di allevamento, per colazione un caffè e non una fetta di pane con marmellata o miele. Ragazzi, fatevi una cultura anche di cibi particolari, perché il cibo insapore non soddisfa, si finisce per mangiarne grandi quantità, rimanere insoddisfatti e rovinarsi la salute.

Annunci

Blade Runner 2049 e le api quali simbolo della natura “esterna” il cane della natura “interna”

Siccome la famiglia non è stata molto propensa ad accompagnarmi al cinema per vedere questo film ritenendolo troppo “visionario” (leggesi “strano” 😀 ) ho atteso con trepidazione l’uscita del Blu-Ray, per me il primo Blade Runner è stato un film di culto, di quelli che ti lasciano dentro emozioni incancellabili.

Ieri, dopo il lavoro, mi sono fermato nel classico centro commerciale, però era rimasto solo un blu-ray il cui contenuto si sentiva vagare, probabilmente lasciato lì per paura che il disco si fosse rigato. L’ho dovuto acquistare perché era l’ultimo però me lo sono fatto aprire dalla cortese signora delle casse automatiche scoprendo che conteneva tre dischi di cui uno rotto. La sera ho guardato il film (più o meno, la prima mezz’ora, sfinito dalla settimana di lavoro, ho dormito) per accorgermi di una bellissima scena riguardante le api.

La terra nel film è completamente desertica non si vede nessuna pianta, di natura si notano solo delle serre dove si allevano larve di insetti a fini alimentari, gli abitanti umani e replicanti del pianeta si nutrono di cose disgustose che vengono celate da proiezioni tridimensionali.

Ad un certo punto il protagonista (il replicante, quello che compare di più, in realtà chi buca lo schermo è Harrison Ford che entra in scena nell’ultima parte) raggiunge una zona che si credeva disabitata, sempre avvolta in una leggera foschia, vento polveroso desertico, per accorgersi stranito della presenza di un’ape, che si appoggia sulla sua mano, prosegue per scorgere un apiario, una decina di casette vicino ad una specie di costruzione di nutritori per api, infila la mano dalla porticina di volo di un’arnia per trovarsi la mano coperta di api, strana cosa, mai vista da un replicante.

Il simbolismo è evidente, le api sono il simbolo della natura esterna, di quella parte di natura che fa da sé, peraltro per regalare un dolce dono agli esseri umani, almeno a chi apprezza tale dono, pochi, strani

Poi incontrerà, in un palazzo, anche un cane, a mio avviso simbolo della natura interna, della natura addomesticata, della natura che vive con l’uomo. Anche l’uomo è natura, anche i replicanti sono natura addomesticata. Bellissimo, il primo film era sull’amore per una donna (replicante o meno), questo sull’amore per i figli e sul sacrificio disinteressato.

 

 

Lavori delle api: nutrizione

Per non perdere le api per fame a fine inverno, diciamo come assicurazione, di solito metto mezzo pacco di zucchero candito per alveare, di solito circa a Natale ma quest’anno l’ho fatto solo a metà febbraio, oggi, il giorno prima di San Valentino (siccome avevo freddo alle mani mi era anche caduta la fede nel prato… per fortuna che l’ho ritrovata). Circa 1,2 kg. di zucchero candito per alveare. Questo zucchero viene consumato dalle api per allevare la nuova generazione oppure per nutrirsi in attesa delle fioriture se avessero carenza di scorte di miele. Non c’è pericolo che questo zucchero finisca nel miele perché non ci sono i melari sopra agli alveari, verranno messi solo nei primi giorni di aprile qui da me nella bassa friulana.

Ho levato i tappi di lamiera copri alveari, tolto i giornali che avevo messo per coibentazione, verificato dal foro superiore che ci fossero api, in uno non si vedeva niente, ho dato una leggera soffiata e un’ape è uscita ronzando lasciandomi la speranza che ci siano abbastanza api, l’ultimo della fila allo stesso trattamento invece non dava nessun rumore, allora l’ho aperto del tutto per constatare totale assenza di api, ho poi inserito sopra agli alveari viventi il mezzo pacco di candito dopo averlo forato, rimesso i giornali, chiuso il coprifavo e sopra di esso il tappo ed una bella pietrona per evitare danni da vento.

Poi ho preso in braccio la casetta senza api, caricata in automobile a 100 metri di distanza, accipicchia quanto pesava, dovevo portare il carrellino, e l’ho riportata a casa.

Quindi siamo, se tutto va bene, a sei alveari. Un dubbio mi rimane solo su quello dove non si vedeva il glomere di api, ma il gruppone di api poteva essere anche laterale invece che centrale e quindi fuori vista, non me la sono sentita di aprire con questo clima fresco alle ore 16.