28/06/2020 giudizio definitivo sui favi senza foglio cereo, negativo

Oggi ho visitato le api.

Quest’anno causa covid a primavera in Friuli non si trovavano i fogli cerei.

Ho quindi dovuto inserire circa due telai di legno bipartiti nudi in ciascun alveare.

Oggi ho visitato le api con 32 gradi di temperatura al sole, quindi con cera abbastanza molle.

Tentando di sollevare il primo telaino tradizionalmente costruito sul foglio di cera mi sono accorto che veniva trascinato anche il favo naturale del telaino accanto e per non fare un disastro ho interrotto la visita.

I favi naturali sono più fragili e vengono anche riempiti con una quantità enormemente maggiore di miele rispetto a quelli costruiti sulle cellette prestampate ad operaia e le api sembrano saperlo e li fissano tenacemente ai favi confinanti (e non al telaio in legno, ohibò) e quindi ho il dubbio anzi la sicurezza che l’estrazione li romperebbe.

Quindi alcune famiglie non le ho potute visitare. Peraltro sembrano essere più ricche di scorte. Ho dedotto comunque la presenza della regina dall’abbondanza di operaie.

Quindi sul favo naturale sono totalmente negativo a meno che non si voglia gestire le famiglie non aprendo mai il nido, ma così sciamerebbero ripetutamente e in campagna lontano da casa perderei tutti gli sciami e non potrei fare nuovi nuclei per divisione.

Qual'è la tua opinione (commenti, saluti, ringraziamenti)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.