Situazione sanitaria delle mie api in Friuli

A inizio anno avevo tre arnie, una è morta durante l’estate, ho fatto due sciami artificiali e così oggi ho quattro alveari. Il progetto è di averne almeno cinque a tutela delle varie morie di api che possono accadere.

Come apicoltore stanziale di pianura ho raccolto in tutta la stagione una sessantina di miele di millefiori di pianura, un miele poco profumato e non dolcissimo, ma molto chiaro e piacevole al gusto.

Mi ha permesso ciò solo l’esperienza di lunghi anni, infatti hanno dato un bel contributo i due sciami artificiali che ho gestito in arnietta di polistirolo e melarietti (più le api sono strette e più producono), ovviamente gli sciami dovranno essere nutriti in settembre oppure dati loro telai di miele da altri alveari.

Purtroppo anni fa avevo perso gran parte degli alveari perché mi ero affidato troppo al trattamento contro gli acari chiamato Apistan. Ciò perché dopo lunghi anni gli acari varroa erano diventati resistenti al principio attivo.

I trattamenti agli alveari si fanno dopo tolti i melari (la parte dell’alveare dove viene raccolto il miele in eccesso).

Malgrado ci fossero parecchi campi di girasole fioriti ho scelto di trattare le api subito in ottica futura.

Quest’anno il mio piano di lotta è stato: tutto agosto con l’Apilife Var una volta a settimana (ogni confezione contiene due tavolette, se ne mette una ad alveare divisa in 4 parti, ciò per quattro settimane spendendo circa 5 euro nel complesso) e poi Apivar che è molto costoso (oltre sei euro ad alveare).

Con l’Apilife Var le prime due settimane non trovavo acari morti nei vassoi sotto alle api, mentre poi ne sono caduti tantissimi, tanti che i vassoi erano neri di acari morti affogati nell’olio del vassoio stesso.

Le api sono state veramente incredibili nel sopravvivere ad una tale infestazione.

Contestualmente al trattamento ho dato 250 grammi di zucchero sciolto nell’acqua a settimana.

Ho notato un cambiamento nell’attività delle api una volta nutrite e liberate da un po’ di acari, erano diventate velocissime, ed inoltre il loro numero era molto aumentato.

Farò una visita alle api a fine settembre per vedere come sarà la situazione delle scorte di miele.

Qual'è la tua opinione (commenti, saluti, ringraziamenti)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.