Galateo con i cani: al centro commerciale

Una recente legge statale o regionale consente di portare a passeggio i cani nei centri commerciali.
Ovviamente come tutte le nostre attività deve essere conforme a quella regola del galateo di non dare fastidio agli altri.
Può capitare che il cane faccia la pipì sul pavimento dei corridoi , non è giusto che qualcuno si imbratti le scarpe oppure che scivoli.
Allora il ben educato proprietario dell’ animale avrà con sé delle salviette per pulire o  cercherà un addetto alle pulizie del centro commerciale per farsi prestare il materiale di pulizia.

Galteo per proprietari di cani: parenti a cena

Quando si ha come migliore amico un cane si potrebbe trascurare una regola della buona educazione, quella del rispetto delle altrui sensibilità, anche nelle meno formali occasioni con i parenti ad esempio.
M’è capitato vedere in tavola posizionati i parenti stretti come sardine quando invece il cane di casa era vicino alla figlia della padrona di casa comodamente seduto sulla panca e vezzeggiato.
Per me quando si hanno ospiti  i cani non dovrebbero stare in casa neanche nelle occasioni meno formali in taverna, e tantomeno dovrebbero salire sulle sedie, poi in casa sua e da solo ognuno è libero di fare come vuole.

Diario di corsa, il tradimento del cagnetto

Sottotitolo: il tradimento.
L’intenzione di questo pomeriggio era quella di correre il percorso da 10 km. La mattina l’avevo passata alla partita di calcio del figlio che ha vinto assieme ai suoi compagni per 6 a 0, pranzo offerto dalla squadra ospitante, penne condite da un ottimo ragù. Visto che il pranzo è stato leggero verso le 14.30 ho deciso di andare a correre per tenere il ritmo di tre volte a settimana.
Ho portato con me il cagnetto che ben mi aveva seguito recentemente per 1 ora e 20 minuti di lungo lento.
Gambe un po’ legnose oggi, forse per le ripetute della volta precedente e forse anche perche’ ieri ho visitato le api, lavoro pesante a schiena in avanti, e poi a tutela degli ischio crurali avevo fatto parecchi addominali (le riviste di running dicono che la causa del mal di schiena da nervo crurale è uno sbilanciamento tra i muscoli addominali e quelli della schiena, nonché consigliano di fare tanto stretching specifico).
Raggiunto il km 3,5 dove c’e’  un ponticello notiamo la presenza di due pescatori.
Il cagnetto li ha visti, si è fermato due-tre minuti durante i quali ho superato i pescatori che peraltro hanno preso una stradina in un altra direzione e poi quello che ritenevo essere il migliore amico dell’uomo ha ripreso la strada di casa abbandonandomi.
Ho dovuto interrompere il percorso, ritornare indietro e recuperare il cane che mi ha poi seguito fino a casa.
Non so se l’abbia fatto per mancanza di intelligenza o perché era stanco, però che delusione …
Lo so che è solo un animale ma non mi sarei aspettato di essere abbandonato.
😀
Ho maggiore feeling con i gatti! Però non si possono portare a correre. Hehe!
Dalla prossima volta niente più cagnetto al seguito, così corro più tranquillamente senza stare a preoccuparmi che il cane non vada sulla strada a farsi investire da una delle rare automobili che passano.

E’ meglio il gatto oppure è meglio il cane?

Tipica domanda tagliata con un’accetta affilata ad uso e consumo di un’oretta di programma televisivo, articolo di settimanale della carta stampata oppure post su un blog.
La questione viene posta in termini estremi per attirare l’attenzione dello spettatore o lettore, la moderazione non fa audience.
La verità, ammesso che a questo mondo qualcuno possa dire di aver scoperto la verità, con tutti i filosofi che hanno ragionato alla ricerca della verità…
Riprendiamo, per me, il cane ed il gatto sono animali differenti, ehehe, lo so che tutti lo sanno che sono animali differenti! 😀
Allora, pochi pensano che sia meglio il gatto oppure il cane. Suppongo che quando sorge una discussione, per divertirsi, prendano le parti di uno o l’altro animale.
Il cane segue il padrone ovunque perché è un’animale più portato ad esplorare il mondo assieme al suo branco.
Il gatto invece è un animale più territoriale, vive sì in comunità di più gatti (e umani), almeno in ambiente urbano o suburbano, ma vive in un territorio più ristretto ed esplora il territorio da solo.
Però l’adattamento a vivere con l’uomo ha modificato questi comportamenti, noi ad esempio portavamo la gatta rossa in vacanza in montagna e si era abituata e tranquillamente faceva giretti nei dintorni della casetta. Si perse solo una volta, capitò che ci fosse una gran confusione perché un’escavatore passò tutte le nostre ferie a produrre rumore insopportabile nel torrente vicino alla casetta (fu da quell’anno che smettemmo di andare in vacanza in montagna).
Il rumore spaventò la gatta proprio il giorno che dovevamo tornare a casa, finite le vacanze.
Fu necessario andare alla ricerca del felino nel bosco, quando ci sentì attraversò un ruscello per reggiungerci.
Noi abbiamo due cani ed un gatto e, semplicemente, senza chiederci chi è meglio, ci godiamo entrambi per le loro particolarità e differenze.
La gatta viene la mattina a fare le fusa sul letto, i cani saltellano felici al nostro seguito.
Per chi voglia prendere un animale, ricordo sempre di pensare anche all’impegno che richiede, sia di tempo, passeggiate ad esempio o pulizia della cassettina del gatto, che economico, ad esempio un cane di grossa taglia è molto costoso in termini di alimentazione.
E, per cortesia, i proprietari dei cani dovrebbero pulire le bombette sulle strade, senza lasciare campi minati per chi vorrebbe semplicemente passeggiare con i figli.