Sui giornali sbagliano spesso nell’identificazione degli animali, fotografie che non corrispondono, api, neonicotidi, agricoltori friulani

Nell’ultimo periodo ha fatto notizia sul Messaggero Veneto la notizia del proseguimento della causa penale per quegli agricoltori che avevano seminato un paio di anni fa dei cereali contaminati da un antiparassitario vietato, in quanto fortemente imputato della moria delle api ma anche sospettato di effetti sui mammiferi quale è anche l’uomo. Per la cronaca tale antiparassitario subisce bandi a singhiozzo, un anno è vietato, poi è stato permesso di nuovo e adesso la Comunità Europea l’ha vietato di nuovo, ma con decorrenza solo da 2019.

Leggo oggi, sul Messaggero Veneto, nelle lettere al direttore, che un noto esperto apistico ha inviato una missiva in cui avvisa che la fotografia messa dal quotidiano a corredo dell’articolo del 4 maggio sulla moria di api non è di un’ape ma di un dittero.

Non è una cosa rara, spesso sui giornali ci sono fotografie di animali che non corrispondono alla specie indicata, probabilmente è un effetto delle minori vendite di giornali che richiede risparmio sui costi, sia di contattare un esperto che nell’acquisto delle fotografie su internet, dove ci sono tanti bravi fotografi grazie alle macchine fotografiche evolute, che in tanti si possono permettere, ma che non sanno riconoscere esattamente le specie di animali ritratte (il che, soprattutto per gli insetti non è per niente facile, ma l’errore di non riconoscere addirittura un’ape è indicativa di quanto lontani dalla natura, dall’agricoltura, dalla materia che ci da nutrimento, la terra, siano ormai la maggioranza di noi).

Lasciate perdere lo smartphone quando siete in gita fuori porta in campagna, e osservate con maggiore attenzione quello che vola sui fiori, a parte le api siate presenti nella vostra vita. Potete anche dotarvi di piante di rosmarino, che fioriscono quando la stagione è all’inizio, quando sono presenti solo le api mellifere, in quanto le altre varietà di api non accumulando scorte di miele non possono rischiare di uscire troppo presto, un eventuale ritorno di freddo le sterminerebbe, mentre le api no, hanno ancora un po’ di miele dell’anno prima.

Annunci

I bellissimi poster premiati al concorso per la pace del Lions Club

I poster premiati sono bellissimi, li potrete vedere a questo link, ricordatevi di scorrere tutte e 24 le immagini, questi ragazzi hanno disegnato delle vere opere d’arte:

http://www.lionsclubs.org/EN/our-work/youth-programs/peace-poster-contest/peace-poster-contest-grand-prize-winners.php

Pensierini ad uso del lettore:
(Ho aggiunto una nuova categoria all’occasione per il mio blog: “bello”)
(visto che ha partecipato anche mio figlio stavo visionando il sito).