La vespa velutina, relazione al convegno degli apicoltori di Udine

La vespa velutina è un calabrone asiatico che si sta diffondendo in Europa, è estremamente dannoso per le api da miele, api selvatiche, mangiatrice di frutta e pericolosa per l’uomo essendo parecchio aggressiva.

A differenza del calabrone nostrano preda maggiormente le api ed è più aggressiva con chi si avvicini al nido, attaccando in maggiore numero.

Non so se abbiate esperienza di vespa crabro, non è un animale molto simpatico neanche a me che ho iniziato come amante delle vespe prima che delle api, ne ebbi un giovanile innamoramento quando da piccolo la mamma estirpò dalla veranda un nidino di vespa (osservai la fantastica simmetria e quelle larvette così dipendenti dalla loro mamma che sarebbero sicuramente morte se non nutrite, anch’esse con una forma esagonale). Ritornando all’argomento se ci si avvicina ad un nido della nostrana vespa crabro un paio di guardiane iniziano a guardarti torve con aria per niente rassicurante, se vai troppo vicino ti attaccano inseguendoti per un bel pezzo, anche se corri velocemente (esperienza capitatami da piccolo, per fortuna che ero una scheggia).

La vespa velutina sta iniziando ad avanzare dalla Liguria verso il resto dell’Italia dopo aver invaso completamente la Francia, la costa della Spagna ed essere giunta anche in Inghilterra (euro o non euro).

C’è un progetto italiano finanziato dalla Comunità Europea per combattere questa vespa, potete leggere su: http://www.vespavelutina.eu.

E’ importante che si crei una rete di osservatori che mettano delle trappole auto-costruite con bottiglie riempite di birra che attirano le vespe e facciano sapere ai referenti di questo progetto se si reperiscono vespe velutine ed anche se non si reperiscono.

Non penso che si riuscirà a eliminare la specie di insetti nociva, alla fin fine gli insetti vincono sempre, ma almeno si può provare a contenerla.

In caso di grosse infestazioni di queste vespe davanti agli alveari si può usare un saldatore a gas per eliminarne un poche con il fuoco, perché altrimenti distruggono l’alveare.

E’ interessante il fatto che nelle zone agricole le vespe velutine si nutrono di 30% di api domestiche, mentre nelle periferie urbane dove non ci sono altri insetti anche di un 100% di api.

Delle api mangiano solo i muscoli di volo, che sono la parte proteica dell’ape.

Qual'è la tua opinione (commenti, saluti, ringraziamenti)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.