Domenica, tennis, pesca, gechi e film Scontro di Titani

La domenica dell’uomo della strada è dedicata a molteplici attività ricreative e sportive, in compagnia dei figli.

Il primo passatempo della mattinata, dalle ore 7.30 alle 8.30 è stato la revisione di una presentazione di Powerpoint; in ufficio, con la precedente edizione del programma (2003), non riuscivo ad impostare lo scorrimento a tempo della presentazione ed era impossibile inserire della musica di sottofondo.

Finite queste attività, ho dedicato del tempo alla lettura del Sole24ore del sabato.

Dalle 9.00 alle 10.00 mitica partita di tennis con il figlio piccolo, per rendere più flessibile il fisico. Nel nostro circolo di tennis é rimasto un campo solo disponibile, infatti stiamo realizzando un campo coperto,  la scorsa settimana gli iscritti al circolo del tennis hanno dedicato il sabato a tagliare gli alberi attorno al campo e a rimuovere il manto di erba sintetica. Conseguenza di ciò è stato il fatto che il campo rimasto non era libero il sabato, le prenotazioni coprivano tutto l’orario dalle 16 alle 19. Abbiamo allora ripiegato sulla domenica mattina.

Finita la partita abbiamo raggiunto il bar dove si trova la sede del circolo per il pagamento della quota del campo di tennis; gelato per il figlio, solo gelato, niente panna! caffé il papà; il proprietario del bar ci guardava stupito per l’orario mattutino dedicato al tennis, non sapeva dei nostri impegni successivi.

Alle 10.30 dovevamo andare a pesca, ma ho avuto una sorta di  sesto senso ed ho aperto la tana della geca notando due uova appena deposte. Sul sesto senso ha influito anche la notevole pancia della geca e la vista delle uova sotto pelle in controluce la sera prima.

Allora vista la prima deposizione della femmina di geco, ho raccolto  e trasferito le uova  in incubatrice; la costruzione dell’incubatrice è stata veloce, togliendo il riscaldatore per acquario dal contenitore della tartaruga del figlio ed utilizzando una scatola di polistirolo con il tappo procuratami da qualcuno che ordina la mozzarella di bufala dal Sud Italia,sul fondo della scatola si mette tanta acqua quanta basta a sommergere il riscaldatore. Si tara il riscaldatore sulla temperatura scelta : per produrre femmine 28 gradi centigradi, per produrre maschi 32 gradi centigradi, a temperature intermedie ci saranno differenti percentuali di maschi e femmine.

Qualcuno tara direttamente a 30 gradi l’incubatrice, così produrrà 50% maschi e 50% femmine.

Però c’è poi il problema di riconoscere i maschi dalle femmina.

Visto che come in tanti rettili, i maschi non si sopportano e alla maturità sessuale ingaggerebbero lotte mortali o culminanti nella mutilazione di uno od entrambi i contendenti.

Io quest’anno produrrò solo femmine.

La geca leopardina  non è più “panzona” ed oggi ha ripreso a nutrirsi con notevole appetito di una bella larvona di “caimano” acquistata nel negozio di pesca.

L’ultima domenica di marzo è la giornata dell’ apertura della pesca alla trota, assieme ad essa si apre la pesca anche a tutte le altre specie di pesci al di sopra della SS14. Al di sotto della strada statale invece si può pescare tutto l’anno, anche se alcuni pesci hanno dei periodi di divieto, ad esempio il luccio non si può pescare da gennaio ad aprile.

Raggiungiamo un grande canale non lontano da casa, mi sfuggono due fortunate  trote. Se le trote vengono ferite da un amo,di solito diventano “furbe”, cioé sarà difficile trarle di nuovo in inganno, preché prenderanno il vizio di assaggiare le esche prima di ingoiarle in modo da “sentire l’amo”.

C’era un bel sole caldo, ma in questa stagione c’è sempre un vento fastidioso a folate che mi fa impazzire.

Prima di rientrare alla nostra Itaca per il meritato pranzo abbiamo dedicato qualche minuto alla raccolta delle punte di luppolo per il risotto della sera, almeno non abbiamo fatto ritorno a mani vuote a casa: il risotto è riuscito benissimo. In Friuli è uso comune realizzare delle belle frittate di germogli di luppolo, a Pasquetta. La giornata successiva alla Pasqua è uso comune trascorrere la giornata, se c’è il sole, nei prati (a volte con disperazione dei contadini) oppure, se piove, nelle case, magari sotto ad un portico cucinando carni alla griglia.

Una volta la griglia si realizzava con la legna, oppure con la cosiddetta “carbonella”, attualmente sembra prevalere la griglia a gas, dotata di bombola, ed anche più salutare perché brucia di meno le carni e le verdure.

Pomeriggio di meritato riposo con un bel film di qualche anno fa acquistato in edicola, Scontro di Titani del 1981, stranissimi gli effetti speciali,  se confrontati a quelli di oggi sembrano ridicoli. Quando c’è un’inondazione si vede benissimo l’ingrandimento dell’acqua, però sono passati ben più di trenta anni da quando è stato girato!

Allora era estremamente all’avanguardia e devo dire che la parte della sfida di Perseo con la Medusa è veramente ben fatta.

Una di queste sere vedremo anche il secondo film contenuto nel box Edizione speciale 2 film, Scontro tra Titani del 2010. L’edizione è evidentemente finalizzata al confronto degli effetti speciali. Ambedue i film hanno per protagonista Perseo, nel primo è un bel ragazzone capellone, nel secondo un atleta dai capelli rasati a zero.

Uno dei figli è crollato esausto sul divano dormendo come se avesse compiuto le sette fatiche di Ercole oppure come fulminato dallo sguardo pietrificante della Medusa.

La moglie ha approfittato dell’occasione per spiegare al figlio come scrivere un racconto con la sua esperienza di ieri.

La moglie, insegnando, sostituendosi al figlio: “mentre io pescavo il papà scattava delle fotografie”

Figlio: “mamma! non è andata così, il papà ha pescato come un matto per tutto il tempo!”

Beccato!

One thought on “Domenica, tennis, pesca, gechi e film Scontro di Titani

  1. agrimonia71 ha detto:

    uh il luppolo! da noi si chiama “vartis” è buonissimo! il risotto lo adoro ed anche la frittata un vero classico della pasquetta

Qual'è la tua opinione (commenti, saluti, ringraziamenti)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.